Bibbia nell’Indice dei Libri Proibiti

Sembra paradossale che un sistema come quello cattolico, che dovrebbe essere basato proprio sulla Bibbia, parli di questo libro come di un testo chiuso, nascosto, inavvicinabile dalla maggioranza delle persone e che solo ora, grazie a qualche casa editrice, esso sia finalmente sciolto da catene secolari.

E’ assurdo che sia la stessa chiesa cattolica romana a diffidare per lunghi secoli della lettura della Bibbia, perseguitando coloro che desideravano accostarvisi senza l’indispensabile imprimatur cattolico.

Fino ai primi del ‘900 diversi papi si sono espressi contro la diffusione della Bibbia. Nel 1849, inoltre, la prima iniziativa di papa Pio IX una volta ripreso il potere fu di bruciare tutte le copie del Nuovo Testamento (versione Diodati) introdotte in Roma. Ancora negli anni ’30 dello scorso secolo furono frequenti i roghi di Bibbie evangeliche.


Un po’ di storia

In genere, le repressioni e persecuzioni citate vengono giustificate asserendo che “erano altri tempi e che ora la chiesa cattolica è profondamente cambiata”.

Tuttavia ci domandiamo perplessi: la chiesa Romana che produsse quelle azioni, non fu forse guidata da papi “infallibili” proprio come oggi? A tale domanda Giovanni Paolo II risponde affermativamente. Nell’introduzione al Nuovo Catechismo si legge che la chiesa Romana custodisce “in ogni tempo” il deposito della fede. Diamo uno sguardo alla Storia per averne conferma.

Il Dictatus Papae di Gregorio VII (1075) e più tardi la bolla Unam Sanctam di Bonifacio VIII (18-11-1302) asserivano l’autorità assoluta del papa, la sua santità e l’impossibilità per chiunque a criticarne l’operato. È singolare che tale custodia, tale santità, tale infallibilità, siano state esercitate scoraggiando e proibendo la lettura del testo biblico.


Persecuzioni

Un primo atto ufficiale contro la lettura biblica risale al secolo XIII. Il Concilio di Tolosa (1229), d’accordo con papa Gregorio IX, decretò nel canone 14 la proibizione per i laici di possedere copia della Bibbia. Nel 1234 il Concilio di Tarragona ordinò che tutte le versioni della Bibbia nelle lingue parlate venissero, entro 8 giorni, consegnate ai vescovi per essere bruciate!

Divieti simili furono emanati in tutta Europa da vescovi e da Concili provinciali fino al XVI secolo. Un’attività intensissima si ebbe soprattutto tra il XVI e XVII secolo, volta a frenare la diffusione della riforma protestante in Europa. La nuova Inquisizione romana, istituita da papa Paolo III con la bolla “Licet ab initio” del 1542, aveva tra i suoi compiti anche quello di controllare la produzione, la vendita e la diffusione degli stampati. Il primo Indice dei libri proibiti fu compilato nel dicembre del 1558 sotto il pontificato di Paolo IV. Vi erano elencate, tra l’altro, 45 edizioni proibite della Bibbia e del Nuovo Testamento e i nomi di 61 stampatori responsabili della pubblicazione di libri eretici.

Persino il Concilio di Trento, pur non pronunciandosi apertamente sulla lettura della Bibbia, compose un catalogo di libri di cui veniva proibita la lettura (sess. 18, 26-2-1562). Un paio di anni più tardi, il 24 marzo 1564, quel catalogo fu pubblicato in una bolla papale (Index librorum prohibitorum). Questo documento introduceva dieci Regole, la quarta delle quali proibiva la lettura della Bibbia in lingua volgare, se non dietro particolare licenza del vescovo.

Gregorio XV, nel 1622, eliminò anche questa remota possibilità revocando tutte le licenze concesse dai suoi predecessori. Nel 1631, Urbano VII ingiunse di nuovo a tutti i possessori di copie della Bibbia di consegnarle alle autorità per bruciarle, pena la denuncia alla “santa” Inquisizione. Più recentemente, Pio VII (1820) condannò con decreto la traduzione italiana della Bibbia, ivi inclusa quella di mons. Antonio Martini (1776), arcivescovo di Firenze. E la Bibbia fu nuovamente posta all’indice dei libri proibiti!

Oggi, a 30 anni dal Concilio Vaticano II, ci pensano degli editori a consentire la distribuzione della Bibbia. Un’apertura che appare tardiva e che rimane macchiata del sangue di molti cui la chiesa Cattolica Romana ha chiuso per secoli il testo biblico. Di quel sangue non s’è mai chiesto perdono.

Ci auguriamo che reclamizzare oggi la Bibbia come un bel romanzo affascinante non serva ad addolcirne il messaggio, e che la voglia di leggerla non passi con la rapidità di un consiglio per l’acquisto.

Nel Medioevo

Il Medio Evo la Bibbia non esisteva se non sottoforma di manoscritti in latino, costosi e rari, e la popolazione era in gran parte analfabeta.

Tuttavia, in quei tempi oscuri, vi furono degli uomini e delle donne che hanno creduto in Cristo per la salvezza e hanno affrontato delle persecuzioni per averla fatta conoscere ad altri. In una lettera del papa Innocenzo III, si trova questa lamentela datata 1180: “Una moltituine di laici e di donne trascinati da un desiderio smodato di conoscere le Scritture hanno fatto tradurre in lingua francese i Vangeli, le epistole di Paolo, le moralità di Giobbe e diversi altri libri con lo scopo colpevole ed insensato di riunirsi, uomini e donne in segreti conciliaboli, nei quali essi non temono di predicare gli uni agli altri”.

Quando si pensa al lavoro che rappresenta una traduzione, al tempo in cui bisognava copiare i testi manualmente, siamo meravigliati dell’amore di questi credenti per la Parola di Dio e della loro devozione a Cristo Gesù.

Oggi come ieri, è la Bibbia a condurre le anime alla salvezza e a donare la vita. Come apprezzi il privilegio di poter avere nelle mani il testo della Parola di Dio, di poterti istruire in essa e di poterti riunire con altri tuoi fratelli e sorelle in Cristo nella tua chiesa?

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...