Insegnate il PIUTTOSTO CHE ai radical chic

Moda orribile nata nel Nord Italia negli ambienti radical chic è l’erroneo uso del “PIUTTOSTO CHE”.

E’ una congiunzione che esprime una preferenza. In alternativa può introdurre una proposizione avversativa con il significato di “anziché”. Solo che oggi il suo uso improprio l’ha reso un coordinate disgiuntivo, e questo è male.

“Questa gonna la puoi mettere con tutto. Sta bene con il rosso, piuttosto che con il giallo, piuttosto che con il verde, piuttosto che con il blu.”

Sbagliato. Il piuttosto che non è una disgiunzione, esprime una sola scelta, una sola simpatia, una sola preferenza.

Non puoi dire “il sabato sera vado in discoteca, piuttosto che al baretto, piuttosto che al bowling”. NO. Devi scegliere. O in discoteca o al baretto.

Non puoi usarlo come fosse un elenco. Abbi coraggio e dillo.

“Piuttosto che andare al baretto mi faccio prete.”
Questo è l’uso corretto. Ma non puoi andare al baretto e farti prete.

Almeno non con il “piuttosto che”.

Annunci