Liberaci da tutti i Mali

SOCRATE: O Alcibiade, vai dunque a pregare il dio?
ALCIBIADE: Ebbene sì, Socrate.
SOCRATE: Sembri ombroso e guardi a terra come se fossi concentrato a riflettere su qualcosa.
ALCIBIADE: E su cosa si potrebbe riflettere, o Socrate?
SOCRATE: Sulla più profonda delle meditazioni, Alcibiade, penso. Perché, via, per Zeus, non credi che gli dèi delle cose che ci troviamo a chiedere loro in privato o in pubblico, talora alcune le concedono, altre no, e può essere che ad alcuni sì e ad altri no?
ALCIBIADE: Certo.
SOCRATE: Non pensi occorra molta prudenza per evitare d’invocare nelle preghiere involontariamente grandi mali, ritenendo beni, mentre gli dèi si trovano nella condizione di concedere ciò che viene loro chiesto? Per esempio, Edipo, raccontano, pregò gli dèi che i figli risolvessero con la spada la questione dell’eredità paterna; pur potendo pregare di essere liberato dai mali che allora lo travagliavano, con le sue imprecazioni se ne attirò altri in aggiunta a quelli; ebbene, questi mali si compirono e dopo questi altri ancora, numerosi e terribili, e che bisogno c’è di dirli uno per uno?


Già i greci ci insegnavano che la formula “Liberaci da tutti i mali” detta a Dio in modo generico, è migliore a quella di entrare nello specifico. Questo rende assolutamente vanifico la confessione religiosa.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...